Tutti i dettagli

La sottoposizione ad un regime alimentare controllato è una situazione che tutti, almeno una volta nella vita, hanno dovuto fronteggiare.

Utile per perdere i chili in eccesso o per ritrovare semplicemente il proprio benessere psicofisico, la dieta è da sempre lo strumento più utilizzato per raggiungere lo scopo in questione.

In quest’ottica, soprattutto in vista del conseguimento di un risultato concreto, l’errore più grave che si possa commettere è quello di iniziare un percorso alimentare guidato senza aver prima chiara la propria situazione corporea.

Per evitare che questo accada, gli esperti del settore hanno studiato un metodo efficace e veloce per determinare la composizione del corpo, che prende il nome di bioimpedenziometria.

Si tratta, in linea generale, di un esame poco invasivo, che permette al professionista di avere un chiaro e completo quadro della situazione fisica del soggetto che intende intraprendere un percorso alimentare nutrizionale.

Anche la Dottoressa Mina Manganelli, presso il proprio studio di Via Papa Giovanni XXIII, a Valenzano (BA), si serve della bioimpedenziometria per garantire ai pazienti un trattamento personalizzato, studiato sui risultati dell’esame.

 

Qualche informazione in più

Come anticipato, la bioimpedenziometria è un esame necessario per poter formulare al meglio un regime alimentare personalizzato.

Ma come si svolge, nel dettaglio, questa visita preliminare?

Si è già detto che si tratta di una pratica assolutamente non invasiva e indolore.

Vengono applicati sul paziente degli appositi elettrodi, simili a quelli utilizzati dai cardiologi per l’elettrocardiogramma.

Questi elettrodi sono collegati tra loro da un filo che unisce tali estremità alla macchina principale.

Una corrente a bassa intensità viene fatta circolare dallo strumento per raggiungere ogni parte del corpo.

A seconda delle zone, la corrente in questione potrebbe registrare un calo di intensità, risultato dell’impedenza delle varie strutture corporee.

Per spiegare ciò che accade durante la bioimpedenziometria è necessario considerare il carattere conduttore dell’acqua, sostanza di cui è composto gran parte del corpo umano.

Quando la corrente incontra dei limiti, dunque, il professionista medico si troverà in presenza di tessuto adiposo, struttura che, al contrario dell’acqua, costituisce un buon isolante.

Il risultato finale sarà un’esatta mappa di tutte le zone corporee, ottima per evidenziare al meglio la cosiddetta massa magra, formata da acqua, ossa e muscoli, così come la cosiddetta massa grassa, equivalente al tessuto adiposo.

 

I benefici

Ormai da tempo si è capito che la formulazione di un regime nutrizionale alimentare non può basarsi esclusivamente su sommari dati visivi, che tentano di stabilire, altrettanto sommariamente, il grado di sovrappeso di un soggetto.

Con la bioimpedenziometria, che si serve di precise formule, lo specialista ha ulteriori e preziosi elementi per definire la composizione corporea e la situazione nutrizionale del paziente.

Il peso indicato dalla bilancia, infatti, è un valore che comprende ogni aspetto della massa fisica, compresa quella relativa all’acqua, alle ossa, ai muscoli.

In origine, qualsiasi variazione del peso poteva erroneamente determinare il successo o l’insuccesso della dieta seguita, mentre oggi, grazie proprio alla bioimpedenziometria, è possibile verificare con esattezza se tale oscillazione si riferisca ad un calo o ad un aumento del tessuto adiposo, dei muscoli o del comparto idrico.

Alla luce di questo, la bioimpedenziometria è utile perché permette di accertare i progressi del dimagrimento, assicurando al professionista del settore il pieno controllo della perdita di peso, collegata alla effettiva diminuzione della massa grassa.

Inoltre, la bioimpedenziometria è diventata un procedimento di analisi molto utile anche per le categorie sportive, che beneficiano dei vantaggi della misurazione per controllare e migliorare le performance atletiche.

Se anche tu desideri conoscere con esattezza la composizione del tuo corpo, affidati alla professionalità della Dott.ssa Manganelli.

Scrivi una mail all’indirizzo dott.manganelli@gmail.com o chiama il numero 340/0703216 per contattare l’esperta.